a

Al tuo fianco con tutta
la mia esperienza

ultimi post

Graziella Bertozzi > Protocollo Detox di Graziella Bertozzi  > La nostra salute è nelle nostre mani.
La nostra salute nelle nostre mani

La nostra salute è nelle nostre mani.

La vita frenetica così come l’abbiamo vissuta fino a un mese fa, ci ha portato nel corso degli ultimi 50 anni a delegare ad altri la nostra salute.

Io mi ricordo che quando ero piccola, una sessantina di anni fa, si ricorreva al medico solo in casi estremi e l’uso dell’ospedale era riservato alle persone con gravissime patologie, soprattutto a coloro che avevano bisogno di un’operazione chirurgica.

Negli anni, il nostro stile di vita è cambiato al punto che per qualsiasi cosa abbiamo bisogno di fare degli accertamenti, di consultare non solo il medico di base ma lo specialista, e gli ospedali sono sempre intasati.

Se hai un’urgenza e vai al Pronto soccorso il rischio è di stare in attesa dalle 4 alle 8 ore se non di più.
Quindi fai a tempo ad aggravarti e a volte a morire.

Tutto questo ha origine da un nostro diverso comportamento e cioè che da molto tempo non ci fidiamo più, come si faceva una volta, delle risorse del nostro organismo, delle difese e delle possibilità che ci sono dentro di noi per guarire o non incorrere in gran parte delle malattie che ci affliggono oggi.

Sarà perché la nostra vita è diventata così frenetica che quando ci ammaliamo è molto più facile prendere una pillola piuttosto che domandarci cosa c’è che non va nella nostra vita?
La malattia porta con sé quasi sempre un messaggio di allerta per dirci che qualcosa non va nella nostra vita e ci chiede di cambiare.

A volte basta cambiare anche solo un po’ il nostro stile di vita, cioè correre meno, mangiare meglio, riposare di più, fare movimento fisico, che la stragrande maggioranza delle patologie comuni tenderebbero a diminuire, se non addirittura a scomparire.

Le malattie hanno una funzione biologica, quella di eliminare, attraverso la febbre o le infezioni, le tossine in eccesso nel nostro organismo.
Per questo si è ricorso negli ultimi decenni ad un uso spropositato degli antibiotici senza spesso tenere conto se si trattava di infezioni batteriche o virali.
Poco o nulla si sa dei virus di questi esseri minuscoli che aggrediscono la cellula.

Questi virus si accaniscono contro coloro che più di altri hanno un alto carico tossinico nel loro corpo.

Cosa significa? Noi produciamo ogni giorno miliardi di tossine con l’assunzione di cibo, di farmaci, a causa di un ambiente inquinato, e anche tossine psichiche, cioè quelle prodotte dalla paura, dalla rabbia etc.

Quali sono i fattori che producono tossine nel corpo?

  1. Alimentazione
  2. Stress
  3. Farmaci
  4. Inquinamento

Quando il corpo non riesce ad espellere tutte le tossine con i normali organi emuntori preposti, come il fegato, i reni, l’intestino, allora si creano dei depositi nei tessuti. Per eliminare queste tossine in eccesso, l’intero sistema immunitario, mette in atto strategie per la sopravvivenza del corpo.

Quindi quello che possiamo fare oggi, in questa situazione, è prenderci cura della nostra salute adottando uno stile di vita più “umano” e renderci conto di quante risorse abbiamo a disposizione se solo ci fidassimo più del nostro corpo e della sua intelligenza.
E’ un’occasione molto propizia per ripensare a quante volte ci siamo rivolti al medico o al sevizio sanitario più per paura che per necessità.
Se solo potessimo raggiungere maggiore consapevolezza ne beneficeremmo tutti, compreso il Servizio Sanitario Nazionale e quindi anche l’economia.

Ora il SSN è al limite delle sue possibilità.
Quindi è ancora più importante non ammalarsi né di Coronavirus né di altre malattie, perché è necessario lasciare il posto in ospedale a chi ne ha veramente bisogno.

E se questo diventasse uno stile di vita anche dopo l’emergenza Coronavirus ?
Io me lo auguro!

Da ben 45 anni mi curo da sola, cercando di mantenere uno stile di vita sano, con una alimentazione che corrisponda ai reali bisogni del mio corpo, faccio esercizio fisico ogni giorno o quasi, ma soprattutto non prendo farmaci a sintesi chimica, ma solo prodotti naturali per aiutare il mio sistema immunitario a mantenersi in forma.
E così anche tutta la mia famiglia.

Questa del Coronavirus potrebbe proprio essere l’occasione per ripensare al modo per mantenerci in salute e salvaguardare il nostro benessere fisico mentale ed anche spirituale.
Cioè come adottare uno stile di vita più rispondente ai nostri bisogni reali, e come nutrire il nostro spirito con attività che ci possano fare sentire un tutt’uno con gli altri, dove separazioni e giudizi non devono più esistere.

Siamo tutti uguali, siamo tutti fratelli, e questa è la realtà che appare oggi evidente grazie ad un nemico comune.

Ma allora per evitare le guerre e le discordie sulla Terra dobbiamo aspettare una invasione dei marziani?

No Comments

Leave a reply